ITI – Investimenti Territoriali Integrati

 

Nell'ambito della programmazione dell'Unione Europea 2014-2020, gli Investimenti Territoriali Integrati (ITI) rappresentano uno strumento per l’implementazione di una strategia di sviluppo urbano che consente di utilizzare obiettivi tematici differenti, prevedendo la possibilità di combinare fondi di assi prioritari e programmi operativi diversi per interventi pluridimensionali o tra più settori. L’ITI può rappresentare uno strumento ideale per sostenere azioni integrate nelle aree urbane perché permette di coniugare finanziamenti connessi a obiettivi tematici differenti, prevedendo anche la possibilità di combinare fondi di assi prioritari e programmi operativi supportati dal FESR, dall’FSE e dal Fondo di Coesione (articolo 36 del Regolamento UE n° 1303/2013 del 17/12/2013 «disposizioni comuni») all'interno di un determinato territorio.

Gli elementi determinanti dell’ITI sono:

La Regione Autonoma della Sardegna, attraverso il proprio Programma Regionale di Sviluppo (PRS), i Documenti Strategici Unitari approvati dalla Giunta Regionale e le proposte di Programmi Operativi Regionali (POR FESR e FSE), ha definito la propria strategia per l’attuazione dell’Agenda Urbana nazionale ed europea. In questo senso ha individuato le aree urbane di Sassari, Cagliari e Olbia come protagoniste delle sfide per l’aumento della dotazione di servizi di eccellenza in area urbana a vantaggio di tutto il territorio regionale. A tale scopo, considera prioritario agire per il rafforzamento della natura “cittadina” e/o “metropolitana” dei soggetti interessati, presi singolarmente o in forma aggregata, in prosecuzione e conseguenza delle attività di Pianificazione Strategica – comunale e intercomunale – condotte nell’ultimo decennio. Elemento caratterizzante dell’attuazione della strategia è l’organizzazione di un primo gruppo di tre ITI per azioni di sviluppo urbano sostenibile, co-progettate in collaborazione tra la Regione – Autorità di Gestione FESR e FSE – e le Amministrazioni cittadine interessate. Tali iniziative costituiscono la prima trasposizione operativa delle scelte effettuate per la programmazione 2014/2020 con particolare attenzione alla loro eventuale implementazione e replicabilità anche in altre realtà. La maggiore coesione e inclusione, fisica e sociale, l’esaltazione di potenzialità, la rimozione di freni allo sviluppo e il miglioramento della qualità della vita, costituiscono obiettivi ragionevolmente raggiungibili con le iniziative programmate, rispondendo a precise domande di città e di cittadinanza rilevate in ampi ambiti urbani.
In data 7 Agosto 2015, tra la Regione Autonoma della Sardegna e il Comune di Sassari è stato siglato un accordo di collaborazione per lo sviluppo di politiche indirizzate alla trasformazione e rigenerazione urbana.

Documenti