Home Territorio

TERRITORIO, AMBIENTE, NATURA

Alt

Platamona

 

In corrispondenza della torre aragonese di Abbacurrente, inizia un lungo tratto di costa bassa e sabbiosa che è nota come Platamona, un nome di origine bizantina che significa “luogo piano”. Tale denominazione è dovuta probabilmente alla presenza di acquitrini e paludi. Alle spalle della costa, per una lunghezza di 2-3 chilometri si trova lo Stagno di Platamona, situato nel comune di Sorso. Il fondo marino, prevalentemente sabbioso, verso il largo presenta qualche banco roccioso isolato. Nel complesso, la fauna marina è quella caratteristica dei fondi mobili, arricchita da qualche pesce pelagico di passaggio, anche di dimensioni notevoli.
Nella zona, in prossimità della strada di accesso principale, si trovano alcuni stabilimenti balneari.
Alle spalle della spiaggia, un bosco di ginepri che vanta alcuni esemplari secolari; al ginepreto è associato un rimboschimento a pino domestico. Il sottobosco è costituito dalla macchia, a tratti particolarmente fitta. In primavera quest’ultima è sede di una notevole fioritura di orchidee spontanee.

Come arrivare alla Platamona
Visualizza la mappa

Si arriva a Platamona da Sassari per la SS 131 seguendo l’indicazione Platamona poco dopo aver oltrepassato la frazione di Ottava. La strada, nel suo ultimo tratto, costeggialo stagno (1) prima di arrivare a un incrocio regolamentato da un semaforo: a sinistra per Porto Torres, dritti verso la spiaggia e il Lido (2). A destra la strada attraversa la pineta e il ginepreto di Platamona (6) incrociando gli ingressi di alcuni camping e centri commerciali. In questo tratto si incontrano alcuni ingressi alla spiaggia, denominati “pettini” (3,4,5), che attraversano la duna e la vegetazione dunale. In corrispondenza dell’ingresso 5 si trova ’incrocio per Sorso-Castelsardo (dritto) Sassari (destra). Questa via riporta a Sassari attraverso la strada denominata Buddi Buddi.

 

 

 


Scheda aggiornata al 23/09/2014

Torna alla pagina precedente