Home Cittadino Ambiente Parco di Monserrato

Parco di Monserrato

Un’oasi verde restituita alla città: il restauro

Un’oasi verde restituita alla città: il restauro

Nel 1976, il parco fu sottoposto a vincolo paesaggistico in base alla L. 1497/39 che tutela le bellezze naturali e il 18 settembre 1991 il B.A.A.A.S. di Sassari, impone un altro vincolo ai sensi della L. 1089/39 che tutela i beni di interesse artistico e storico.
Obiettivo degli interventi, la conservazione dello stato dei luoghi, attraverso l’intervento di restauro architettonico e di ripristino ambientale, la ricostruzione di parti edilizie andate distrutte nel corso degli anni, nonché l’integrazione tra nuovo ed esistente e la coerente reinterpretazione dei luoghi.
Il complesso è stato recuperato nel completo rispetto della sua articolazione formale, storica, geometrica, tipologica e ambientale. In quest’ottica d’intervento sono stati utilizzati sistemi costruttivi e materiali originari.
Gli interventi di restauro conservativo hanno restituito al Parco il suo antico splendore: sono state riportate in vita le ingegnose opere idrauliche nel loro aspetto neoclassico; la coerente reinterpretazione dei luoghi ha consentito che il nuovo si integrasse perfettamente con l’esistente, nel pieno rispetto dell’originaria articolazione formale ed ambientale; un’approfondita analisi della vegetazione censita ha fatto sì che si ricreassero le antiche simmetrie, mediante l’inserimento di nuove opere a verde che completano il quadro vegetazionale preesistente.
In quest’ottica di intervento anche i sistemi costruttivi sono stati effettuati con il pieno rispetto dei materiali originari: come in passato, seguendo il percorso del sole, verso il Viale dei Tigli, il tramonto si può ammirare dal
suggestivo belvedere sito al termine del Viale dei Cipressi. Proprio questi viali sono stati ripristinati con sostanze leganti e terra stabilizzata, escludendo l’utilizzo del cemento.
Anche la scelta dell’impianto di illuminazione si accorda allo stile neoclassico del Parco che oggi finalmente può essere ammirato e vissuto in tutta la sua originaria bellezza.
 

Scheda aggiornata al 30/12/2013

Torna alla pagina precedente