Home Cittadino Ambiente

Lago di Baratz

Sito web: www.ceasbaratz.it

La storia
Il Centro di Educazione Ambientale Lago di Baratz

Il centro per l'educazione ambientale del Lago di BaratzDal 29 febbraio dell’anno 2000 il Centro per l’Educazione Ambientale e la Sostenibilità Lago Baratz del Comune di Sassari costituisce un elemento del Sistema Nazionale per l'Informazione, l'Educazione e la Formazione Ambientale avviato dal Ministero dell'Ambiente.
Nato come Centro di Esperienza, il Centro ha proposto attività di educazione ambientale centrate sull'esplorazione diretta di ecosistemi particolari ma è stato anche luogo di incontro e scambio per insegnanti e allievi, punto di riferimento di tutto il territorio provinciale per le tematiche relative allo Sviluppo Sostenibile nonché centro di raccolta dati, informazioni e testi relativi alla Cultura Ambientale.
Il C.E.A.S. Lago Baratz si trova nella parte nord-occidentale dell’isola in prossimità dell’unico lago naturale della Sardegna; il Lago di Baratz, situato nella regione della Nurra, sorge sul fondo di una conca circondato da un bosco di conifere ed è separato dal mare da un sistema dunale imponente.
Tutta l’area è stata riconosciuta dall’Unione Europea come Sito di Interesse Comunitario ed è compresa nell’Area 5 del Parco Geominerario Sardo, confina con il Parco Naturale Regionale di Porto Conte ed è poco distante dal Parco Nazionale dell’Asinara.
 

Le dotazioni

E’ presente una biblioteca con materiale documentario, costituito da volumi, cassette o cd-rom, inerenti l’Educazione Ambientale e lo Sviluppo Sostenibile e numerosi testi divulgativi e specialistici disponibili per la consultazione al pubblico e in rete con la biblioteca comunale.
Per trattare in modo efficace il tema della sostenibilità energetica, il CEAS Baratz si è dotato recentemente di una serie di strumentazioni didattiche interattive che facilitano la comprensione dei complessi sistemi di produzione di energia da fonti rinnovabili.
E’ presente una mostra didattica con pannelli che illustrano l’origine geologica, la flora e la fauna del sistema dunale di Porto Ferro e del lago Baratz.
Sono disponibile per le attività didattiche diverse strumentazioni tra cui: videoproiettore, fotocamera digitale, cannocchiali, binocoli, bussole, microscopi, strumentazioni per la lavorazione di legno, carta e pietra ed un prototipo della galleria del vento.
I sentieri attrezzati
Dal centro si irradia una rete di sentieri facilmente percorribile a piedi, in bicicletta e a cavallo. Sono presenti inoltre due capanni per l’osservazione dell’avifauna, uno dei quali raggiungibile attraverso un sentiero attrezzato per i disabili.
 

Pubblicazioni

Il Seminario di Presentazione del febbraio 2000 ha fornito l’occasione per realizzare e presentare il primo volume della collana “FOGLIENUOVE DA BARATZ” dove, appunto, il C.E.A.S. ha voluto, periodicamente, raccogliere e pubblicare lavori di ricerca, esperienze didattiche, contributi scientifici.
Sono stati inoltre pubblicati:

  • I SENTIERI: breve raccolta di schede sulla flora e la fauna del Lago di Baratz.
  • TACCUINO: quaderno di campagna personalizzato dove prendere appunti durante le escursioni e sul quale sono indicati semplici norme di comportamento e consigli utili per una buona osservazione.
  • BARATZ, LA DIDATTICA E I BIOTOPI: il volume raccoglie i contributi dei docenti del corso realizzato dal C.E.E.A. Baratz quale attività di informazione e sensibilizzazione sulla didattica dell’ambiente e i biotopi del Lago di Baratz.
  • FILI, PAGLIE, MATTONI: esperienze sul campo, lavori di gruppo e riflessioni del Laboratorio Didattico realizzato dal C.E.A.S. Baratz sull’ecosistema città.
  • UN CIRCOLO VIRTUOSO: suggerimenti e spunti di un Laboratorio Didattico realizzato dal C.E.A.S. Baratz sul tema della produzione e smaltimento dei rifiuti;
  • LA SCUOLA DEL LAGO: sussidio didattico sull’ecosistema lago;
  • LA DUNA… A PICCOLI PASSI: sussidio didattico sull’ecosistema dunale;
  • A SCUOLA DI MARE: sussidio didattico sull’ecosistema spiaggia;
  • BARATZ LA CARTA DEI SENTIERI: cartina in tre lingue illustrante la rete dei sentieri attorno al lago;
  • IL CEEA BARATZ, NUOVE PROPOSTE: opuscolo informativo sulla storia e i servizi del Centro
L’Educazione Ambientale per le scuole

Ragazzie al centro di educazione ambientaleDall’anno 2000 al 2006 il C.E.A.S. ha ospitato numerose scuole del territorio con le quali si sono svolte attività didattiche relative agli ambienti lago, mare-duna, campagna. Gli operatori del C.E.E.A. Baratz hanno fornito inoltre consulenza progettuale per attività di educazione ambientale a diverse scuole di Sassari e provincia.
Per un maggiore approfondimento del proprio modello di educazione ambientale, basato sul rapporto uomo-ambiente, il C.E.A.S. Baratz propone, alle classi che ne fanno richiesta, un programma di progetti didattici da inserire nel Piano dell’offerta formativa di ciascun Istituto.
Gli insegnanti, chiamati a svolgere un ruolo centrale nella gestione del programma didattico, sono coadiuvati dagli operatori del C.E.A.S. Baratz nella co-progettazione di attività da svolgersi in classe e da proseguire sul territorio.
Tra i servizi offerti, segnaliamo:
• affiancamento dei docenti durante la progettazione e la realizzazione delle attività di educazione ambientale
• attività didattiche diurne per le classi della fascia scolare materna, dell’obbligo e media superiore
• consulenza alle Amministrazioni pubbliche nel settore dello Sviluppo Sostenibile
• collaborazione con Università e Centri di Ricerca pubblici e privati
• attività di documentazione
• attività di formazione e aggiornamento
• attività estive ludico-educative destinate al programma Estate ragazzi, promosso dall’Amministrazione Comunale di Sassari.

Oltre alle attività educative, dal 2004 al 2006, il Centro ha svolto il ruolo di Nodo Infea della Provincia di Sassari, organizzando incontri tra i soggetti della Rete, prestando servizi di sensibilizzazione e consulenza a Enti pubblici e alle scuole.

La missione del CEAS

Ragazzi in escursione al Lago di BaratzL’Educazione Ambientale ha coinciso per parecchio tempo con l’impegno per la difesa dell’ambiente naturale o delle specie in via di estinzione. Nata di pari passo con l’acuirsi di fenomeni di emergenza ambientale ha, con le sue pratiche, cercato di creare una sensibilità verso i problemi del pianeta.
Oggi è lo stesso termine di Ambiente che deve assumere una connotazione diversa rispetto a quella dei fenomeni fisici e naturali che contraddistinguono l’ambiente naturale, dobbiamo infatti necessariamente parlare di “ambiente costruito”, riferendosi ai modi con i quali l’uomo struttura il territorio e di “ambiente sociale” quando ci si riferisce alle esperienze personali e sociali che l’uomo vive. L’educazione ambientale si evolve dunque verso la concezione di “educazione allo sviluppo sostenibile” partecipando all’impegno di costruire uno sviluppo che, apportando il più alto livello di benessere a tutti gli esseri umani, sia compatibile con le risorse a disposizione e le conservi per il futuro nostro e delle generazioni che verranno dopo di noi.
L’educazione Ambientale non deve essere una nuova materia scolastica ma deve concorrere a: “ricostruire il senso di identità e le radici di appartenenza, dei singoli e dei gruppi, a sviluppare il senso civico e di responsabilità verso la res pubblica, a diffondere la cultura della partecipazione e della cura per la qualità del proprio ambiente, creando anche un rapporto affettivo tra le persone, la comunità ed il territorio". (art. 7 della Carta di Fiuggi).

 

 

NEWS PROPOSTE ANNO SCOLASTICO 2010 - 2011

È disponibile l’offerta delle attività di educazione ambientale per l’anno scolastico 2010 - 2011, proposte dal Centro per l’educazione ambientale e la sostenibilità lago di Baratz. Così come avviene ormai da diverso tempo, tutte le scuole possono usufruire dei servizi educativi proposti dalle operatrici del Centro, secondo una metodologia ormai consolidata da numerosi anni di esperienza. Nelle attività didattiche proposte dal C.E.A.S. Lago Baratz si considera centrale l’esperienza sul campo, dove si alterna il gioco alla riflessione e si dedica ampio spazio ai laboratori in cui vengono svolte attività percettivo-sensoriali, di osservazione e riconoscimento, manipolazione ed elaborazione. Per informazioni si possono  contattare le operatrici del Centro, Adriana Casu e Lucia Ligios al numero 079533097.

NUOVE PROPOSTE E MODULISTICA

 

 

 

Scheda aggiornata al 30/12/2013

Torna alla pagina precedente