Ufficio stampa

Comunicati stampa settembre 2018

Sassari, lì 11 settembre 2018

Nicola Sanna: a Sassari non c'è posto per episodi di discriminazione

Il sindaco ha incontrato questa mattina il beneficiario del progetto Sprar

 

«Voglio esprimere a nome mio e della città tutta la più netta condanna dell’episodio di violenza che si è verificato ieri sera nella nostra città».

 

Così Nicola Sanna commenta l’aggressione avvenuta ai danni di un giovane titolare di protezione internazionale, originario della Guinea e beneficiario del progetto Sprar (Sistema per Richiedenti Asilo e Rifugiati) del Comune di Sassari. Il sindaco ha voluto incontrare il ragazzo questa mattina a Palazzo Ducale per manifestare la vicinanza sua e dell’amministrazione.

 

«Sono profondamente addolorato per quanto successo a questo ragazzo che potrebbe essere mio figlio - continua il Nicola Sanna - e che nella sua giovane vita ha già affrontato difficoltà inimmaginabili. E sono ancora più addolorato di dover condannare, per la seconda volta nel giro di pochi giorni, avvenimenti che, nella loro diversità, sono segno di un clima di intolleranza, alimentato da esponenti del Governo nazionale».

 

«Concludo dicendo che nessun episodio deve essere sottovalutato - aggiunge il sindaco -. E che si sta lavorando tanto per assicurare alla giustizia i colpevoli quanto per isolare le frange estremiste e violente presenti in città. A Sassari non c'è posto per episodi di discriminazione».

 

Dal Gus, Gruppo Umana Solidarietà, ong che gestisce il progetto Sprar del Comune di Sassari, tengono a sottolineare che «l'associazione crede nella pace e nel dialogo e continuerà a lavorare animata da questi principi». «Condanniamo – dicono - e siamo disgustati da fatti tristi come questa aggressione senza senso. Proprio per questo continueremo come sempre il nostro lavoro al fianco dei nostri beneficiari. Ora la priorità è supportare il ragazzo aggredito e tutte le persone in accoglienza mettendo a loro disposizione gli strumenti utili per superare il momento difficile».

 

 

 

 

 

 

 

 

[Portavoce Comune di Sassari]