Ufficio stampa

Comunicati stampa novembre 2016

Sassari, lì 17 novembre 2016

Positivo incontro con il premier Matteo Renzi

Soddisfazione dei sindaci di Sassari, Alghero, Cagliari, centro e Nord Sardegna

Necessità di una modifica delle regole sul bilancio armonizzato, quindi il sostegno della linea del governo sull'Europa e ancora sulla necessità di dare maggiore impulso allo sviluppo. C'è soddisfazione tra i sindaci di Sassari, Alghero e Cagliari per le parole del premier Matteo Renzi che questo pomeriggio nella sede dell'aeroporto militare di Fertilia ha incontrato oltre cinquanta sindaci del centro e nord Sardegna.

 

"In queste settimane - ha detto Nicola Sanna in apertura dell'incontro - abbiamo accelerato la mobilitazione proprio perché entro fine anno dobbiamo approvare i bilanci. Ed è una buona notizia il fatto che il governo voglia fare il suo bilancio con anticipo rispetto ai tempi ai quali siamo abituati. Le regole che ci siamo dati, che poi sono quelle dell'Unione europea, al lato pratico però rendono ingestibili i bilanci dei comuni, soprattutto di quelli più piccoli. È necessario, allora, apportare delle modifiche".

 

"Ci riferiamo ai fondi vincolati - ha proseguito - fondi che dobbiamo accantonare. Denaro vero a garanzia di entrate che dobbiamo ricevere dallo Stato o dalla Regione e che sono lì e non possiamo muovere, perché ci sono regole che ci vincolano. Credo, allora, che si possa fare un piccolo sforzo per fare alcune modifiche, per allentare la presa. Penso ai fondi a garanzia delle cause e per i ricorsi. Io ho 12 milioni che devo tenere bloccati per il rischio di soccombenza nelle liti; altri 3 milioni circa che devo bloccare a garanzia di crediti che ancora devo incassare. Denaro vero che potremmo usare per dare lavoro alle nostre genti, per fare in modo che possano sentirsi cittadini operanti.

 

"Questa sua battaglia per l'Europa - ha detto ancora il primo cittadino di Sassari - signor Presidente, è giusta. Noi siamo il paese che ha fatto di più per l'Europa e per l'Unione europea, che l'ha resa stabile garantendo 70 anni di pace. Io credo nell'Europa non soltanto perché sono nato nel suo cuore, ma per i suoi valori. Il patto di stabilita quando fu coniato aveva tre parole: Patto di stabilità e sviluppo. Si è dimentica la parola sviluppo. Questo è il messaggio che vogliamo dare: che le regole vanno rispettate ma dobbiamo mettere mano alle riforme".

 

“Accogliamo con favore le parole del presidente del Consiglio Matteo Renzi – ha detto il sindaco di Alghero Mario Bruno – per gli impegni che ha preso con i primi cittadini. A partire da una revisione del bilancio armonizzato, nella forte determinazione a rivedere le misure e i rapporti con l’Europa e a farsi carico di ridurre la burocrazia nei ministeri romani. Accogliamo anche l’impegno del governo per riportare Ryanair e altri vettori low cost ad Alghero, da dove è partita la battaglia per la revisione delle linee guida sugli incentivi e sull'abbattimento delle tasse".

 

Soddisfazione anche nella parole del sindaco di Cagliari Massimo Zedda. "Oggi abbiamo appreso dal presidente Renzi che da quando il governo si è insediato non ci sono stati tagli ai comuni. Il Premier conosce perfettamente le problematiche dei Comuni, data la sua esperienza di sindaco, e ha garantito che la battaglia contro i tagli e l'austerity riguarda anche le comunità locali e i comuni".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Portavoce Comune di Sassari]