Ufficio stampa

Comunicati stampa maggio 2015

Sassari, lì 29 maggio 2015

Da giugno porta a porta per 2600 utenze

La raccolta differenziata a domicilio interesserà sette borgate e il quartiere di Sant'Orsola. Dopo l'estate anche Palmadula e l'Argentiera

La raccolta differenziata porta a porta arriva nelle borgate di Tottubella, Villassunta, lago di Baratz, La Corte, Canaglia, Campanedda, Saccheddu e nel quartiere di Sant'Orsola. Il servizio partirà a scaglioni dal mese di giugno, secondo le frequenze previste dal calendario che sarà consegnato alle famiglie, e coinvolgerà circa 2600 utenze.

 

Si tratta di una novità importante, perché attraverso questo servizio l'amministrazione comunale di Sassari mira a portare immediati vantaggi ai cittadini sassaresi. L'obiettivo principale, infatti, è il raggiungimento della percentuale del 50 per cento di raccolta differenziata. Il potenziamento del servizio di ritiro rifiuti a domicilio contribuirà al conseguimento di questo obiettivo che, al momento, si rende necessario e urgente per non incorrere in sanzioni che, come è già stato annunciato dalla Regione, a breve, potrebbero diventare ancora più salate. Resta sempre fermo l'altro obiettivo del 65 per cento, previsto dalla norma, per ottenere la premialità.

 

Dal sindaco Nicola Sanna quindi è arrivato subito un appello: «Preoccupiamoci di differenziare i rifiuti – ha detto – metterlo nel cassonetto giusto, perché in questa maniera facciamo bene sia dal punto di vista civico, così come dal punto di vista del risparmio economico».

 

 Attualmente la percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti a Sassari si è assestata intorno al 45 per cento, grazie anche al notevole incremento delle percentuali nelle zone nelle quali è stato già istituito il sistema di ritiro porta a porta, su tutte Li Punti, Ottava, San Giovanni e Caniga dove sono già servite 5688 utenze.

 

 «In tutta Italia – ha aggiunto l'assessore alle Politiche Ambientali Gianni Carbini – questo sistema è caratteristico delle città e dei paesi più virtuosi nella gestione dei rifiuti e garantisce importanti benefici. Prima di tutto non è necessario andare a conferire nei contenitori stradali ma è sufficiente lasciare in prossimità dell’ingresso della propria abitazione le diverse tipologie di rifiuto, negli orari e nei giorni stabiliti. In secondo luogo – ha concluso – è una soluzione per contribuire a migliorare la “qualità” dei rifiuti, perché è presente un maggior controllo sulla separazione degli stessi».

 

 Il nuovo servizio, che andrà a coinvolgere intorno alle 2600 utenze, delle quali circa 1400 nelle borgate e 1200 a Sant'Orsola, partirà secondo il seguente calendario:

1. 8 giugno per Tottubella, Villassunta e Baratz;
2. 22 giugno per La Corte – Canaglia;
3. 6 luglio per Campanedda – Saccheddu, Sant'Orsola storica e alcuni tratti di Sant'Orsola Nord.

 

 La novità interesserà anche Palmadula e l'Argentiera ma solo nel mese di settembre, così da evitare eventuali disservizi durante la stagione estiva.

 

Altra novità sarà l'attivazione del ritiro dei rifiuti ingombranti, previsto nelle giornate del sabato, dalle 8,30 alle 12,30. A Palmadula si farà il primo sabato del mese, a La Corte il secondo sabato di ogni mese, quindi a Campanedda il terzo e a Tottubella il quarto sabato del mese. Sarà possibile anche prenotare il ritiro a domicilio, basterà telefonare al numero verde 800.01.25.72.

 

L'estensione del sistema porta a porta, che va quindi a realizzare una sorta di “cintura” del tessuto urbano della città, di solito comporta costi superiori rispetto al conferimento nei contenitori stradali, sistema principale previsto dall'appalto. Grazie alla collaborazione della ditta appaltatrice Ambiente Italia srl/CNS Consorzio Formula Ambiente, tuttavia, questo servizio non comporterà ulteriori spese per i sassaresi.

 

Per accompagnare i cittadini e informare sul funzionamento del sistema porta a porta, saranno realizzati degli incontri pubblici, durante i quali verranno anche consegnati i mastelli del kit per la raccolta differenziata e le compostiere, unitamente alle guide.

 

Gli incontri avranno il supporto degli ecovolontari del Comune di Sassari e saranno realizzati, di volta in volta, nelle zone interessate. Con una serie di incontri che hanno come slogan “Benvenuto porta a porta”, il 3 giugno è prevista la prima riunione per i residenti di Tottubella che, alle 18, potranno ritrovarsi nei locali del centro di aggregazione sociale. Il 4 giugno sarà la volta dei residenti a Villassunta – Baratz che, sempre alle 18, riceveranno tutte le informazioni utili nell'incontro previsto nell'ex scuola di Villassunta.

 

In queste località, a partire dal 6 giugno, saranno rimossi i cassonetti stradali. I cittadini interessati saranno avvisati mediante lettera consegnata a domicilio, nella quale sarà indicata la data precisa dell'incontro a loro dedicato. 

 

All'incontro sono intervenuti anche il presidente della circoscrizione unica Luigi Correddu e i rappresentanti di Ambiente Italia Alvaro Rosa e Franco Sassaroli.
 

 

 

[Portavoce Comune di Sassari]