Ufficio stampa

Comunicati stampa febbraio 2017

Sassari, lì 10 febbraio 2017

Epilessia


Il termine "Epilessia"deriva dalla parola greca “έπιλαμβάνειν” che significa: “essere sopraffati, colti di sorpresa”.
L’Epilessia è una malattia neurologica che si esprime in diverse forme, per la maggior parte compatibili con una vita assolutamente normale.
L’incidenza della patologia nei paesi industrializzati è di 1 su 100, senza preferenza di sesso, ed in Italia circa 500.000 persone presentano un’epilessia in forma attiva. In Sardegna sono circa 10.000 gli affetti da tale condizione e di questi oltre il 50% sono soggetti in età evolutiva.
Il sintomo principale delle varie forme di Epilessia è la crisi epilettica, un disturbo improvviso e transitorio che dipende da un’alterazione della funzionalità delle cellule nervose che risultano, per varie ragioni, ipereccitabili.
Le crisi epilettiche possono manifestarsi con sintomi vari e variamente associati tra loro: sintomi motori, vegetativi, coinvolgimento della coscienza, etc.
La diagnosi di Epilessia è convenzionalmente posta dopo almeno due crisi spontanee.
L’elettroencefalogramma rappresenta lo strumento indispensabile nel procedimento diagnostico di una Epilessia.
Predisposizione genetica, sofferenza nel periodo pre e perinatale, malformazioni della corteccia cerebrale, infezioni, traumi , tumori, ictus, costituiscono le cause più frequenti nella comparsa di una Epilessia.
Lo stigma dell’Epilessia, è un elemento importante nella genesi di disagio e sofferenza nel soggetto con Epilessia, ancor più della malattia stessa. La società, sin dall’antichità ha creato un pregiudizio, un discriminazione che tutt’ora induce un disagio alienante, sia nei paziente che nelle loro famiglie.
E’ necessario porre una diagnosi precisa perché si possa scegliere la cura più adeguata e pertanto è consigliabile che il soggetto si rivolga presso Centri e laboratori specialistici, che esistono in ogni città d’Italia, e nei quali può trovare una presa in carico competente e aggiornata.
A Sassari è possibile eseguire tali accertamenti nel Centro per la Diagnosi e Cura dell’Epilessia in Età Evolutiva, accreditato dalla Lega Italiana per la lotta Contro l’Epilessia (LICE), situato all’interno della UOC di Neuropsichiatria Infantile nella Azienda Ospedaliero-Universitaria.
L’equipe di medici ei tecnici specializzati che lavorano nel Centro per l’Epilessia dell’Età Evolutiva, responsabile la dott.ssa Susanna Casellato, garantisce l’esecuzione degli esami strumentali necessari per il raggiungimento di diagnosi accurate e l’attuazione di terapie adatte, nonché la possibilità di offrire il giusto supporto per il paziente e la famiglia in tutte le fasi del percorso.
Il Centro per l’Epilessia dell’età evolutiva di Sassari aderirà anche quest’anno alla Giornata Internazionale per l’Epilessia, che cade Lunedi 13 Febbraio, con un “Open Day” nel quale, tutta l’unità di Neuropsichiatria della AOU di Sassari sarà coinvolta nell’erogare visite e registrazioni elettroencefalografiche gratuite, secondo una programmazione già predisposta sulla base delle richieste pervenute dall’utenza nelle settimane precedenti, programmazione stabilita sulla base di una priorità dettata unicamente dall’urgenza e appropriatezza della richiesta.
In tutta Italia, la Giornata per l’Epilessia sarà colorata di viola e, pertanto, anche nella città di Sassari verrà illuminato con questo colore il Palazzo della Provincia dalla sera di sabato 11 febbraio alla mattina di martedì 14 febbraio.