Home Politiche della casa

riscatto aree convenzionate

 I cittadini possono acquistare la piena disponibilità della propria abitazione

Comunicato stampa

Comunicato stampa del 13.06.2018

Servizio di Riscatto delle aree convenzionate

Circa ¾ degli alloggi costruiti a Sassari hanno vincoli sul prezzo di vendita e sul canone di affitto che oggi possono essere rimossi.

Il servizio di Riscatto delle aree convenzionate (costituite in parte prevalente da aree P.E.E.P. – Piani di Edilizia Economico Popolare) istituito dal Comune di Sassari consente ai cittadini di riscattare gli immobili acquistati in Diritto di Superficie o in Diritto di Proprietà, portandoli allo status di libero mercato.
La procedura di riscatto consente, a fronte del pagamento al Comune di un corrispettivo (ridotto del 10% per chi paga in unica soluzione), di eliminare ogni vincolo.
Questi vincoli sono citati espressamente nel rogito di acquisto, oppure possono esserne indicati solo i relativi riferimenti normativi (art. 35 della legge 865/71 e successive modifiche).

I cittadini o i tecnici, per sapere se un alloggio possiede dei vincoli, per conoscere la procedura di riscatto e l’ammontare del corrispettivo da pagare possono contattare e recarsi presso lo SPORTELLO RISCATTO AREE CONVENZIONATE, muniti di copia del rogito e copia dei documenti di identità del/i proprietario/i, ed eventuale delega.

AVVISO

 Si comunica che lo Sportello Riscatto Aree P.E.E.P. ,sito in Via Dalmazia n. 19/b, resterà temporaneamente chiuso e riaprirà al pubblico il giorno martedì 11 Settembre

SPORTELLO RISCATTO AREE CONVENZIONATE

Via Dalmazia n° 19/b (angolo Via Prunizzedda)
tel 079295732
e-mail sportellopeep@comune.sassari.it

Orario apertura al pubblico invernale (da ottobre ad aprile):
Martedì dalle ore 10.00 alle ore 14.00
Giovedì dalle ore 15.00 alle ore 19.00

Orario apertura al pubblico estivo (da maggio a settembre):
Martedì dalle ore 10.00 alle ore 14.00
Giovedì dalle ore 16.00 alle ore 20.00

 

Brochure informativa
 

[top]

 

Scheda aggiornata al 22/08/2018

Torna alla pagina precedente